facebook
instagram
whatsapp

redazione@ivespri.it

Settimanale siciliano d'inchiesta

fondato da Carmelo Rapisarda

Direttore Responsabile: Fabio Tracuzzi - direttore@ivespri.it

Direttore Editoriale: Nunzia Scalzo - direttoreditoriale@ivespri.it

Registrazione: Tribunale di Catania n. 7/2006 del 3/3/2006

Sede legale: Via Aloi 26 - 95126 Catania

 

Contatta la redazione: redazione@ivespri.it

Contatta l'amministrazione: amministrazione@ivespri.it


facebook
phone
whatsapp

Settimanale siciliano d'inchiesta

fondato da Carmelo Rapisarda

Settimanale siciliano d'inchiesta

fondato da Carmelo Rapisarda

banner per i vespri

Editore e ragione sociale:
Vespri società cooperativa

Via Aloi 26 - Catania

P.IVA IT04362690879 - Codice fiscale 93117170873
pec: cooperativa.vespri@twtcert.it

I Vespri @ Tutti i diritti son riservati, 2022

Taoarte ecco il Cda e su Taofest tutto tace

2023-02-22 16:26

Fabio Tracuzzi

Cronaca, Spettacoli, Attualità, Focus,

Taoarte ecco il Cda e su Taofest tutto tace

Firmato dall'assessore al Turismo il decreto di nomina del Consiglio d'amministrazione della Fondazione. Ester Bonafede in scadenza e sul festival tutto tace

Ne è passata di acqua sotto i ponti e finalmente la Fondazione Taormina arte ha il suo primo, e ovviamente nuovo, Consiglio d’amministrazione che è così composto: Mario Bolognari sindaco del Comune di Taormina  con funzione di presidente e legale rappresentante,  Sergio Bonomo con funzioni di vicepresidente, con i componenti Gianandrea Agnoni, Marcello Muscolino e Franco Cicero. Particolarmente interessante quanto si legge all’articolo 3 dello stesso decreto dove, oltra alle conseguenti dimissioni del commissario protempore, si legge che il sovrintendente pro tempore (Ester Bonafede) cesserà dalla carica il sessantesimo giorno successivo alla data di pubblicazione  del decreto sul sito ufficiale della regione. Ovviamente il nuovo Consiglio d’amministrazione potrà rinnovarle l’incarico.

Un giudizio? Il Consiglio si è appena insediato. Conosco personalmente tre dei cinque componenti ma come in tutte le cose prima di dare un giudizio è bene aspettare i risultati sperando che la politica venga messa da parte e si torni, finalmente, a ragionare di cultura.  L’assessore Elvira Amata ha fatto in pochi giorni quello che per anni gli assessori precedenti si erano rifiutati di fare nascondendo il problema sotto il tappeto come si fa con la polvere. Resta il fatto che del Festival del cinema non si sa ancora niente e niente viene deciso. E nessuno da risposte ai segnali di allarme che abbiamo lanciato. Francamente, e sarà un nostro limite, non riusciamo a capire dove si vuole arrivare. Parafrasando una vecchia scritta apparsa negli anni Ottanta nei muri di Catania e che riguardavano il quartiere Pigno verrebbe proprio da dire Il Taormina filmfest muore e tutti se ne fottono. Lo abbiamo già detto e lo ribadiamo l’assessore ha fatto quello che era in suo potere fare. Ha portato soldi per il festival. Non tantissimi è vero, ma di più per ora non poteva