redazione@ivespri.it

Settimanale siciliano d'inchiesta

fondato da Carmelo Rapisarda

Settimanale siciliano d'inchiesta

fondato da Carmelo Rapisarda

Settimanale siciliano d'inchiesta

fondato da Carmelo Rapisarda

tmb (970 × 250 px)

Direttore Responsabile: Fabio Tracuzzi - direttore@ivespri.it

Direttore Editoriale: Nunzia Scalzo - direttoreditoriale@ivespri.it

Registrazione: Tribunale di Catania n. 7/2006 del 3/3/2006

Sede legale: Via Aloi 26 - 95126 Catania

 

Contatta la redazione: redazione@ivespri.it

Contatta l'amministrazione: amministrazione@ivespri.it


facebook
phone
whatsapp

Editore e ragione sociale:
Vespri società cooperativa

Via Aloi 26 - Catania

P.IVA IT04362690879 - Codice fiscale 93117170873
pec: cooperativa.vespri@twtcert.it

I Vespri @ Tutti i diritti son riservati, 2022

I conti al Comune di Messina: riequilibrio da riequilibrare

2022-07-26 11:35

Giovanni Frazzica

Cronaca, Politica, Focus,

I conti al Comune di Messina: riequilibrio da riequilibrare

Da Gino Sturniolo una narrazione che non coincide con quella del sindaco Basile, il “Guardiano dei Conti” secondo il mandato dell’ex sindaco Cateno De Luca.

 

 

Da Gino Sturniolo una narrazione che non coincide con quella del sindaco Basile, il “Guardiano dei Conti” secondo il mandato dell’ex sindaco Cateno De Luca.  Ecco cosa scrive il candidato a sindaco Gino Sturniolo che, da diversi anni (sin dai tempi di Accorinti) tiene sotto osservazione i conti di Palazzo Zanca: “Ammetto di essermi sbagliato. Quando Basile ha chiesto audizione alla Corte dei Conti avevo pensato che ci fosse andato per chiedere più tempo per la rimodulazione del Piano di Riequilibrio. Il neo Sindaco, invece, sperava di avere una interpretazione della norma che consentisse di mettere una pezza alle conseguenze delle dimissioni di De Luca. Cosa è avvenuto, infatti? Il dimissionario De Luca aveva chiesto e ottenuto dalla Corte dei Conti, sulla base di una norna contenuta nella Legge di bilancio, la possibilità di rimodulare entro 120 giorni dal 31 gennaio il Piano di Riequilibrio senza ripassare dalla Commissione ministeriale. Successivamente aveva chiesto ai consiglieri comunali del gruppo misto di firmare tutte le delibere della Giunta dimissionaria tranne il Piano di Riequilibrio rimodulato, lasciando così la palla agli altri consiglieri, che evidentemente non potevano avere uguali motivazioni, e puntando sul parere positivo della Corte dei Conti sul Piano non rimodulato. Così, il Piano di Riequilibrio rimodulato non è stato discusso in Aula. Successivamente, il Commissario Santoro ha chiesto e ottenuto di potere rimodulare o riformulare il Piano come prescritto dal Milleproroghe, che intanto aveva convertito quanto contenuto nella Legge di bilancio. Il Milleproroghe, intanto, oltre a concedere ulteriori 30 giorni, inseriva appunto la parola “riformulato”. Secondo l’interpretazione della Corte dei Conti – continua Sturniolo - il Comune di Messina, avendo un Piano di Riequilibrio approvato dal Consiglio, ma non dalla Corte dei Conti, non può che “riformularlo” e quindi il Piano deve ripassare dalla Commissione ministeriale. La traduzione, in parole semplici, di tutto questo ambaradan è che adesso tutto ricomincia dall’inizio. Niente paura, però. I Piani di Riequilibrio sono così. Sono fatti per tenere i Comuni nè vivi nè morti. In agonia, così da lasciare che lentamente si estinguano”. In realtà che i conti non tornano sembra trasparire anche dalla querelle a distanza che si è sviluppata tra il vice Presidente della Regione, Gaetano Armao, ed il sindaco Basile, che era il tecnico artefice del piano di riequilibrio su cui oggi vengono chiesti chiarimenti. E la colpa, se colpa c’è, non è del solo del vecchio Consiglio.

 

GIOVANNI FRAZZICA

 

 

catotti
Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder